NOVITÀ NEL SITO

  1. È stata inserita la scheda sul Concerto per Violino (Tommaso Vannucci) e Pianoforte (Gioia Giusti), domenica 22 febbraio 2015, presso Villa Bertelli a Forte dei Marmi.

  2. Sono stati inseriti alcuni brani audio dalle «Davidsbündlertänze», Op. 6,  di Robert Schumann.

  3. È stata inserita l’incisione integrale dei 12 brani che costituiscono il Libro primo, Op. 125,  dei «Préludes» per pianoforte di Claude Debussy.




NOTIZIE



L’estate dei ragazzi di Pruno di Stazzema quest’anno si è arricchita di una nuova proposta ludico-didattica: un Laboratorio sul ritmo, realizzato con attività creative, per sviluppare l’espressività a cominciare dal linguaggio e dalla corporeità.

Continua la lettura...






Sabato 10 novembre 2012, nella suggestiva cornice del Cenacolo del Convento degli Agostiniani a Empoli, gli allievi della Scuola di Musica di Fiesole hanno proposto un concerto dedicato a Claude Debussy (1862–1918).

Continua la lettura...






Un’esperienza particolare, quella di partecipare contemporaneamente a due Concorsi a Osimo, conseguendo il secondo premio (primo non assegnato) al Concorso «Nuova Coppa Pianisti» e il terzo premio al Concorso Pianistico Internazionale.

Continua la lettura...






In una serata tutta dedicata a Beethoven,

l’esecuzione del Concerto Triplo per Violino, Violoncello, Pianoforte e Orchestra op. 56, con la direzione di Jan Dobrzelewski.

Continua la lettura...



 

GIOIA GIUSTI

PIANISTA

Gioia Giusti, toscana, è nata nel 1984.

Ha studiato presso prestigiose istituzioni musicali come l’Accademia Pianistica di Imola, il Conservatorio di Milano e la Scuola di Musica di Fiesole. Con Vincenzo Balzani si è diplomata con il massimo dei voti. Si è perfezionata con Manuel De Col e Andrea Lucchesini.

Dall’età di 8 anni si è distinta in numerosissimi concorsi, come nel 1995, quando ottiene il primo premio al  «Concours Musical de France».

Tra i numerosi risultati ottenuti, la vincita di un concerto con l’orchestra e un corso di perfezionamento al «Mozarteum» di Salisburgo con Sergio Perticaroli; il secondo premio al «Marco Bramanti»; il terzo premio al concorso internazionale «Rovere d’oro». Nel 2012, nella città di Osimo, ha conseguito il secondo premio, con primo non assegnato, alla «Nuova Coppa Pianisti» e il terzo premio alla prima edizione del Concorso Internazionale.

La sua attività concertistica spazia dal solismo, alla musica da camera, all’orchestra.

Ha fatto parte del Trio Botero. Dal 2011 suona in duo con la violinista Sara Pastine.

È stata la pianista dell’Orchestra Giovanile Italiana negli anni 2006-2008. Ha suonato nell’Orchestra Luigi Cherubini sotto la direzione di Riccardo Muti e di Wayne Marschall (Teatro Petruzzelli di Bari, Teatro Romano di Pompei, Lugano, Santiago de Compostela, Ravenna Festival...)

Nel 2012 ha suonato il Triplo concerto di Beethoven sotto la direzione di Nicola Paszkowski e di Jan Dobrzelewski.

Leggi tutta la biografia...

GLI EVENTI DELLA NUOVA RASSEGNA

Musica sulle Apuane 2014



Rassegna di concerti in alta montagna,

guardando al mare.


La manifestazione «Musica sulle Apuane», quest’anno alla sua seconda edizione, vuole unire la duplice passione per la musica e per la montagna, grazie ad una serie di Eventi-Concerti nel periodo estivo in luoghi che, per le loro caratteristiche, gli scorci che offrono, il cammino insieme che talvolta richiedono, costituiscono un teatro naturale, un luogo favorevole di incontro e di contemplazione.

Questi i luoghi in cui si svolgeranno gli Eventi:
la Chiesetta del Pasquilio di Montignoso (MS), il sentiero che da Pruno (LU) conduce alla cascata dell’Acquapendente, il Rifugio «Città di Massa» in località Pian della Fioba, il Rifugio «Del Freo» sulle pendici della Pania della Croce, i prati della località Campocecina (Carrara), il Rifugio «Conti» sotto il monte Tambura.

È disponibile il Calendario degli Eventi, che si svolgeranno dal 25 aprile al 10 agosto 2014,
dei quali Gioia Giusti ha la direzione artistica.
Informazioni: 328-1139964


LA MUSICA E LA MONTAGNA

Perché fare musica sulle Alpi Apuane?



Riflessioni sul significato dell’esperienza promossa
con la rassegna «Musica sulle Apuane».


La magia del teatro è un fatto certo: il buio della sala, il palco illuminato, il silenzio carico di attesa prima dell’inizio, il respiro di chi suona. Il teatro è condivisione di emozioni, empatia con l’artista e con tutti coloro che fra il pubblico accettino senza riserve di essere condotti in un mondo sonoro imprevedibile, che suscita sensazioni individuali e collettive, che è capace di far gioire, smarrire, sconvolgere o magari suscitare ricordi.

Il teatro, per chi lo ama, è tutto questo.

La Musica, però, non vive solo nei teatri o negli altri luoghi “convenzionali”. La Musica è qualcosa di troppo grande e universale perché un solo luogo la faccia sua: accompagna l’uomo da sempre e l’uomo l’ha coltivata portandola a livelli eccelsi.

La Musica non è una creatura dell'Uomo, essa appartiene alla Natura.

La musica delle stelle, i rumori delle foreste, il canto degli uccelli, lo sciabordio del mare. Tutti suoni più antichi dell’uomo.

Quante sorprese riserva la Musica riportata nel suo ambiente primigenio, naturale! Con la sua fisionomia, la sua forma, la sua acustica non è solo fonte di ispirazione ma anche di sperimentazioni sonore molteplici e insospettate.


PROGETTI DI DIDATTICA MUSICALE

Scuola di Musica di Fiesole a Massa




La Scuola di Musica di Fiesole, fondata nel 1974, è da quasi quarant’anni punto di riferimento nel panorama musicale internazionale, attualmente sotto la direzione artistica di Andrea Lucchesini.

Una serie di proposte musicali, cominciando dagli alunni di alcune scuole della città, sono l’occasione per offrire alle persone di Massa un arricchimento musicale e culturale di grande qualità e prestigio. In attesa che possano maturare forme ancor più profonde di collaborazione.

Informazioni: 328-1139964



 

aggiornato il 18 febbraio 2015


Biografia


Masterclass


Perfezionamento


Fotobiografia


Materiale per Programmi


Link


 


 

gioia.giusti



ESPERIENZE MUSICALI NEL TEMPO

C’era una volta...



5 settembre 1997.
Concerto per i detenuti
del carcere «don Bosco» di Pisa.
La matita di Sergio Staino, nel raccontare a fumetti quella serata, raccoglie i complimenti di «Bobo» per gli artisti che suonano, soprattutto per la partecipazione di una giovanissima pianista: Gioia!